Il Ministero dell’Economia e delle Finanze ha reso noto che in data 12 febbraio 2014, il Ministro ha sottoscritto il Decreto Ministeriale con il quale la Repubblica di San Marino viene tolta dall’elenco dei paesi a fiscalità privilegiata (DM 4 maggio 1999).
La firma del Decreto segue l’entrata in vigore della Convenzione contro le doppie imposizioni tra Italia e San Marino avvenuta il 1 gennaio 2014.
Si ricorda che l’efficacia del Decreto è subordinata alla sua pubblicazione in Gazzetta Ufficiale.
L’uscita dalla Black List,  comporterà una serie semplificazioni fiscali.

Persone fisiche

I cittadini italiani iscritti all’AIRE e residenti in San Marino non avranno più l’onere di dimostrare la loro residenza a San Marino. Spetterà all’Amministrazione finanziaria l’onere di dimostrare che il soggetto italiano e’ ancora fiscalmente residente in Italia.

Soggetti passivi IVA

I soggetti passivi IVA che effettuano operazioni (acquisti o vendite di beni ovvero di servizi) con San Marino non saranno più tenuti alla predisposizione della comunicazione black list
Permane in ogni caso l’obbligo di compilazione del quadro SE della comunicazione polivalente al fine di comunicare all’Agenzia delle Entrate l’avvenuto assolvimento dell’IVA per gli acquisti da San Marino effettuati in regime di reverse charge (senza quindi addebito dell’IVA da parte dell’operatore di San Marino).

Operazioni con San Marino